Skreens farà vivere Halo 5: Guardians in modo alternativo

Il nostro parere su Halo 5: Guardians, ormai, lo conoscete.
Avete letto le nostre recensioni, i nostri approfondimenti, e anche all’interno di quelle che sembravano essere le notizie meno importanti, abbiamo sempre cercato di esprimerci personalmente in merito a quelle che erano le nostre considerazioni su ciò che vi stavamo comunicando, e lo stesso, il più delle volte, avete fatto voi attraverso i commenti.

Quando il nuovo capitolo del brand è uscito, nella giornata di ieri, molti di voi hanno subito avuto modo di metterci le mani sopra, esprimendo il proprio entusiasmo o la delusione, riguardo le varie componenti che, unite, sono andate a formare quello che è probabilmente il capitolo più complesso, a livello strutturale, della saga del nostro amato Chief.
Ma mancava qualcosa.

Poche ore fa, infatti, sono emersi due video in rete, che testimoniano alcuni giocatori cimentarsi all’interno del gameplay di Halo 5: Guardians attraverso la suddivisione dello schermo, in split-screen, e mediante l’utilizzo dell’Oculus Rift.

Come potete vedere da questo primo video, non mentivo.
Halo 5: Guardians è davvero giocabile in split screen, ma in una maniera leggermente diversa da quella che immaginate.

Per spiegare ciò, dobbiamo introdurre ‘Skreens‘, che avete incontrato come logo, all’interno del video qui sopra.

Breve ma necessario focus su Skreens.
Skreens è un dispositivo, attualmente presente all’interno di una campagna Kickstarter, che consente ai videogiocatori di focalizzarsi su più obbiettivi contemporaneamente, attraverso la trasmissione di molteplici segnali durante la sessione di gioco.
Collegandoci dunque con il punto di vista del nostro compagno, sarà possibile suddividere lo schermo, e condividere la partita sullo stesso televisore, in modo non del tutto ufficiale, ma pur sempre godibile e alternativo.

Detto questo, oltre lo split-screen, saresti pronto ad immergerti all’interno di Halo 5: Guardians.. a 360° gradi?
Buona visione!