ConsiderHalo #7: Pensieri su un possibile finale per la saga di Halo

Ne è passato di tempo, ma noi siamo sempre qui, a gasarci sui gameplay della Beta di Halo 5: Guardians, a rigiocare per l’ennesima volta i vecchi capitoli della saga, e, soprattutto, a porci le solite domande impossibili del tipo: “Come finirà la saga di Halo? E che succederà riguardo Cortana? È sempre stato Master Chief la vera macchina? E per quanto ancora?”. Signori e signori, ConsiderHalo #7.

Dunque, premetto che per scrivere questo articolo mi baserò su mie considerazioni personali, aspettative, e speranze (perciò no, non sono in contatto segretamente con 343i e non ho idea dei loro progetti per i futuri capitoli, si tratta di un’ipotetica linea narrativa che vorrei condividere con voi); inoltre terrò conto della saga videoludica e dei romanzi, dunque se non avete mai letto i romanzi dietro questa saga, o se non avete ancora giocato a qualche capitolo di Halo sappiate che questo articolo conterrà alcuni spoilers, leggetelo a vostro rischio e pericolo.

Innanzitutto dovete sapere che ci sono alcune cose, all’interno delle saghe, videoludiche e non, che mi fanno uscire di matto, queste cose sono: le ambientazioni esoteriche, e le trame più astruse possibili. La prima penso sia un requisito di ogni buon appassionato di fantascienza o fantasy, è ciò che ti fa venire un brivido lungo la schiena quando vedi un lungo piano di qualche paesaggio, di un’astronave, o magari di una città incantata.. La seconda invece è la qualità che anche davanti al film più noioso e complicato di sempre mi fa tenere gli occhi incollati allo schermo, adoro le complicazioni, l’introspezione dei personaggi, le lotte per il potere, l’idealizzazione sfocata del bene e del male… ma arriviamo al dunque: semplicemente, il motivo per cui amo Halo è che possiede entrambe queste qualità.

La prima è abbastanza ovvia, infatti le ambientazioni di questa saga mi hanno sempre affascinato, dalla città devastata di Nuova Mombasa, all’astronave di Alta Opera, fino ad un Halo in fase di distruzione, ambientazioni che mi hanno sempre rapito. La seconda invece è proprio quella di cui voglio parlarvi oggi: la trama. Probabilmente osservando solo i capitoli videoludici di Halo è possibile cogliere solo un terzo della grandezza e della profondità della storia che detiene questa saga. Se vi dico “Capitano Keyes”, giocando solo ai videogiochi penserete sicuramente al vecchio scorbutico che stava sulla Pillar of Autumn, il quale poi è stato catturato dal Flood, tuttavia la caratterizzazione del personaggio è molto più profonda all’interno de “Il protocollo Cole”. Insomma, ci sono certi personaggi che non hanno avuto la profondità che si meritavano nella parte giocabile di Halo, e un esempio lampante è Johnson, la sua morte è una delle scene più forti ed emotivamente coinvolgenti di Halo, ma non può essere compresa appieno solo grazie ai capitoli in cui egli compare.

1000px-Halo-3-Wallpaper-HALO-chapter-1080p-232-343-Guilty-Spark-VS-MASTER-CHIEF

Fortunatamente, c’è un personaggio in particolare che non ha subito troppo questo processo: Master Chief. Penso che egli sia uno dei pochi personaggi presenti nei romanzi che anche nella parte videoludica ci perde poco, perché trovo che il personaggio sia stato caratterizzato alla perfezione, sia da un lato, che dall’altro. Abbiamo sempre conosciuto Master Chief come un soldato corazzato, che esegue gli ordini per preservare la terra, impenetrabile, cupo, misterioso. Ma attenzione, questo personaggio sta per essere completamente stravolto, in questo Halo 5: Guardians, e ciò a causa della perdita di Cortana. A tal proposito, credo che proprio Halo 4 sia il capitolo in cui il personaggio di Chief ha più spessore, e la mia speranza più grande è che nei capitoli successivi della Reclaimer Trilogy lo sappiano rappresentare con la stessa maestria.

In ogni caso, non voglio dilungarmi troppo nel descrivere ciò che penso a riguardo del rapporto tra Chief e Cortana, in quanto è argomento di altri capitoli di questa rubrica, però rifletteteci: cosa ci aspetta? Dove diavolo è finita Cortana? Dite che è morta? No, io non penso, decisamente no. È ancora viva, e la teneva Chief in mano nel trailer dell’E3 2013, mentre reggeva quel chip nel guanto corazzato: è il personaggio di Cortana, ciò che sta a rappresentare, il suo scopo nella saga, quello è ancora vivo.

1764227

Ed ecco il primo tassello, il primo movimento di puzzle che va a comporre quello che per me sarà il finale di Halo. Il motore, il movente della scena, Cortana. Non sto dicendo che la rivedremo, anzi, credo che sarebbe molto difficile da integrare bene all’interno della trama la ricomparasa di Cortana, finirebbe per diventare una forzatura immane, quindi no, preferisco vederla per ciò che è: un’utopia. L’utopia di tutti noi fan, si, ma principalmente l’utopia di Chief, che la sta andando a cercare, che ha mandato metaforicamente al diavolo l’UNSC pur di ritrovarla. Vogliamo complicare le cose? Gli Spartan presentavano fin da sempre dei disturbi del comportamento, che li rendevano asociali, chiusi, e senza legami con elementi esterni. John in tutta la sua esistenza stringe legami solo con le persone all’interno del suo team, i suoi compagni di squadra, Cortana. Ma adesso li ha persi entrambi (tecnicamente i membri della blue squad sono ancora in vita, ma aspettate, e vedrete dove voglio arrivare).

Qualcuno starà intuendo forse ciò che sto per dire: la degenerazione del comportamento di Chief, la ricerca disperata, l’inseguimento dell’utopia, questa per me sarà la rovina del soldato; questo sarà il secondo capitolo della Reclaimer Trilogy, e dovrebbe essere, a mio parere, un momento di caduta, il secondo movimento di una sinfonia, il più grave.

Non escludo inoltre un possibile ricongiungimento con la Halsey, che si è unita ai Ribelli Elite. Pensateci, Cortana deriva da lei, è l’unica speranza per Chief di ritrovarla, e Halsey stessa stava cercando di ricongiungersi con John già prima sulla Infinity; non credo che questi due elementi siano una coincidenza, piuttosto credo che il ricongiungimento di questi due sia poco ma sicuro. Conoscendo la Halsey credo inoltre che ella potrebbe sfruttare il tentativo di Chief di ricongiungersi con Cortana ricattandolo per unirsi alla sua causa, ma è solo una semplice supposizione, una delle tante possibilità.
Rimane un punto interrogativo, ovvero Locke, il cui ruolo rimane oscuro in tutto questo, credo che potrebbe diventare un alleato di Chief ma anche il suo peggior rivale, le dinamiche fra i due si vedranno in base alle scelte compiute da Chief stesso.

279450-H111

Ma tornando alla questione di prima, come ci dovrebbe essere un momento di caduta, è naturale che ce ne sia anche uno di risalita, e anche qui serve un movente, uno abbastanza forte da tirare fuori John dalla spirale creata dalla perdita di Cortana, e chi se non i compagni stessi dello Spartan? Proprio la squadra blu, a mio parere questi sarebbero il movente per convincere John a tornare dal lato dei “buoni”, e unirsi al salvataggio dell’umanità dalla Ribellione Elité.

Avevo questi pensieri nella testa da molto tempo, sono semplici supposizioni, alcuni pensieri imbozzati, il modo in cui mi piacerebbe vedere evolversi la saga di Halo, e alcune considerazioni sulla stesse. A questo punto però voglio salutarvi ponendovi questo quesito: secondo voi come si evolverà la saga di Halo? O meglio, come vi piacerebbe vedere questa sua evoluzione?

4 thoughts on “ConsiderHalo #7: Pensieri su un possibile finale per la saga di Halo

    • Sinceramente, visto che finora i vari capitoli di Halo hanno sempre avuto una storyline fissa, non so come prenderei un cambiamento così radicale, non penso che mi piacerebbe molto… in ogni caso, ciò non esclude che questo potrebbe essere uno di quei finali, no? ^^

  1. La squadra blu dove si troverebbe nel momento in cui si svolge halo 5 ?
    Voglio dire i pochi spartan 2 rimasti cosa stanno facendo?

    • Non saprei, penso tuttavia che rientrerebbero in qualche cellula dell’ONI impegnata in qualche operazione, per poi magari ricongiungersi con Chief.. chissà, potrebbe pure trattarsi di qualcosa a che fare con Sanghelios, sarebbe interessante vederne gli sviluppi..

Comments are closed.