Canon Fodder – Driving Force

Benvenuti ad un nuovo Canon Fodder, offerto come sempre da GrimBrother One!

Iniziamo subito con un’intervista allo scrittore John Jackson Miller, conosciuto per i suoi lavori all’interno dell’universo di Star Wars e Star Trek!

cfjjm-4d17c775273c42f2a521307d7ed5b3b5
GRIM: Potresti essere un novizio riguardo Halo, ma sicuramente non lo sei per quanto riguarda le science fiction. Alcuni rumor ci dicono che hai scritto qualche parola su una serie abbastanza sconosciuta, qualcosa sulla… Forza, qualunque cosa significhi. Parlaci un pò della tua carriera.

JJM: Sono un fan dei fumetti, fan delle science fiction e un giocatore – sia videgiocatore che giocatore da tavolo. Ho iniziato la mia carriera lavorando a riviste come Comics Buyer’s Guide e Scrye: The Guide to Collectible Card Games; queste esperienze mi hanno portato a lavorare sui fumetti. Ho scritto Iron Man per la Marvel, questo mi ha portato a lavorare su Star Wars; Ho scritto più di 75 fumetti relativi a questa saga, inclusa l’intera serie di Knights of The Old Republic. Sono stato in grado di lavorare non solo sui fumetti di Star Wars ma anche sui giochi e sui libri. .

Durante tutto questo percorso ho anche aiutato nella scrittura delle prime tre Graphic Novel di Mass Effect: Redempion, Evolution e Invasion; inoltre ho scritto fumetti per altri franchise, come Simpson, Conan e Il pianeta delle scimmie. Ho anche avuto il tempo di scrivere un libro basato su un universo scientifico di mia creazione, che magari potrebbe piacere ai fan di Halo.

Nell’ultimo periodo ho trascorso molto tempo nella scrittura dei libri di Star Trek; il mio primo libro di questa saga, Takedown, è uscito l’anno scorso, e mi ha permesso di lavorare al mio progetto per l’autunno – Start Trek Prey, una trilogia di libri che saranno rilasciati in tre mesi consecutivi: Settembre, Ottobre e Novembre. Questa trilogia parlerà della crisi che coinvolge la Federazione e l’impero Klingon.

GRIM: Okay Okay, credo che tu sappia come lavorare a questo genere di libri. Ora che sappiamo a quali universi hai lavorato, parliamo dell’universo di casa. Quale aspetto dell’universo di Halo ti piace di più, e c’è qualche aspetto che ti sembra lo distingua dagli altri franchise a cui hai lavorato?

JJM: Sono rimasto impressionato dalla profondità dell’universo. C’è una certa familiarità che permette ai nuovi arrivati di ambientarsi velocemente. Oltre a questo ogni mondo ha la sua storia.
L’anno scorso ho acquistato un Bundle Halo Xbox One, e i miei figli pensano che sia figo che scriva per questa saga. Loro sono sicuramente giocatori migliori di me!

GRIM: Hey, se ti può far sentire meglio, sicuramente sono più bravi anche di me. Prima hai parlato della “profondità dell’universo”, la quale si trova maggiormente all’interno dei libri e dei fumetti. Qual’è la storia che più ti è piaciuta?

JJM: La saga dei precursori di Greg Bear è stata molto divertente. Ho avuto un’esperienza simile scrivendo The Lost Tribe of the Sith per Star Wars, e so com’è narrare una storia ambientata nel passato. È sempre interessante conoscere il pensiero delle specie aliene, e penso che Greg abbia fatto un ottimo lavoro.

GRIM: Penso che molti fan della storia della saga – me compreso – concordino con te. Ora, con l’avvento di Halo: Fractures e Halo: Tales from Slipspace, ti ritrovi in una situazione strana, avendo da scrivere per entrambe le antologie. Come cambia il processo di scrittura tra un fumetto\graphic novel e una più tradizionale scrittura in prosa?

JJM: Mi sono già trovato in una situazione simile con Dark Horse, quando dovevo lavorare contemporaneamente alla serie di fumetti di Star Wars: Knight Errant e al libro con lo stesso nome; poco più avanti ho fatto la stessa cosa con Lost Tribe of the Sith. Avendo lavorato per molto tempo con Dark Horse e Simon & Schuster, la mia collaborazione in entrambe le antologie è stata molto discussa; sono molto felice di poterci lavorare.

Ho scritto molto riguardo la differenza tra la scrittura per i fumetti e la scrittura in prosa, ma chiaramente la più grande differenza è che all’interno dei fumetti sono presenti molti artwork realizzati da gente di talento, mentre nella prosa sono io stesso a dover fare lo scrittore, il regista e il direttore artistico solamente utilizzando le parole. D’altra parte la prosa permette di entrare nella testa dei personaggi in modo più completo rispetto a quello che si può fare nei fumetti.

GRIM: Sicuramente è una prospettiva veramente interessante! Parlando di queste storie, non abbiamo ancora dato delle informazioni precise, ma i fan cosa si possono aspettare dalle storie che stai scrivendo per l’universo della saga?

JJMQuando entro all’interno di un nuovo universo tendo a concentrarmi su storie dedicate ad un piccolo gruppo di personaggi, ho fatto ciò nei primi lavori dedicati a Star Wars e Star Trek. Questo mi permette di concentrarmi maggiormente sulla storia e sui pensieri dei personaggi. Inoltre mi piace descrivere ciò che i vari comandanti delle varie fazioni pensano. Mi piace immaginare come sarebbe vivere in questi mondi come parte della massa.

Le due storie sono differenti e simili. Differenti in quanto sono sono ambientati in due periodi diversi e coinvolgono specie differenti; simili in quanto entrambi hanno a che fare con l’isolamente e con il dovere visti dal punto di vista di un geurriero. Mi piace come è stato impostato il tutto e come ciò permetta la creazione di qualcosa come questo. Ci sono molte opzioni possibili per gli scrittori.

GRIM: Sembra fantastico! Personalmente io sono molto eccitato per i fan che metteranno le mani sulle storie scritte da te, e sono entusiasta del fatto che tu abbia contribuito all’espensione di questo universo. Qualche ultima parola? Dove è possibile seguirti?

JJM: Sono felice di partecipare! Potete seguirmi su Twitter e potete leggere dei miei lavori su farwaypress.com.

GRIM: Grazie per esserti unito a noi oggi!


Andiamo ora a dare uno sguardo più approfondito ad alcuni contenuti in arrivo con l’update Hog Wild!

cfvespinhog-6f27928812ad44e98b6c10ad4c8fdd7a

Vespin Warthog

Le forze UNSC alleate con l’Arbiter conducono dei pattugliamenti congiunti per monitarare e difendere le terre di Sanghelios dai resti del Covenant e degli esploratori artificiali. Chiamato come uno pseudo-aracnide particolarmente letale che spesso si trova all’interno dei complessi di tempi, il Warthog Vespin può essere estremamente letale contro ogni predatore, sia esso vivente o artificiale. L’M-12 Vespin è un Warthog potenziato con tempi di ricarica diminuiti e velocità dei razzi aumentata.

cfrallyhog-a4fd2d8376e24ac98c592706ed8e209a

Rally

Le corse estreme su New Carthage combinano fauna letale, terreni sconnessi, armi pesanti e delle capacità di guida eccezionali. Come vincitore all’interno della Sprint Series di New Carthage e della 24 ore di Quezon, la divisione competitva della AMG domina incontrastata le prime posizioni delle gare interstellari. Warthog avanzato con corazza pesante e velocità di movimento aumentata, l’M-12R #550 Scuderia StarSpeed è stato creato dal team migliore della AMG; si tratta di un esemplare di Warthog da corsa pesantemente modificato per rientrare negli standard delle corse automobilistiche. Grazie alle turbine di ultima generazione e alla corazza di ceramica, il Warthog da Rally può gestire in tutta tranquillità anche gli ambienti che ridurrebbero gli altri veicoli a rottami fumanti.

cfhybridscope-6c9c62e205b04c6186918e7256bf6ac3

Mirino Ibrido

I Covenant hanno usato il sistema di mira Smart-Link per millenni, migliorando sempre di più i loro sistemi fino a raggiungere risultati vicini alla perfezione. I Sangheili hanno una predilezione nell’iterazione tra design già esistenti, ed alcuni artigiani sono rimasti affascinati dalla possibilità di unire le tecnologie umane e Covenant. Il risultato di ciò si trova nell’implentazione di un sistema di mira simile a quello usato dai Covenant nelle loro carabine.