Canon Fodder – That’s so Raven

Benvenuti ad un nuovo Canon Fodder!

Il CF di oggi è dedicato all’ultimo spin-off della saga, Halo: Fireteam Raven, uscito da poco nei Dave & Busters americani e in arrivo nel resto del mondo.

La storia del gioco è basata sugli eventi di Halo: CE e di Halo: Flood, quindi è sempre meglio rispolverare questa parte di lore vecchia ormai di 17 anni.

Prima di iniziare con il CF vi lasciamo al video che mostra tutto il lavoro fatto dietro al gioco, molto bello e interessante.

TIMELINE

Il Fireteam Raven faceva parte del battaglione ODST che prese parte all’Operazione: RED FLAG, che consisteva nell’abbordare un’ammiraglia Covenant per rapire uno dei Profeti e usarlo per trattare una pace tra umani e Covenant, purtroppo il piano è stato interrotto sul nascere dall’attacco dei Covenant a Reach.

Dopo essere fuggita dalla battaglia il 30 Agosto 2552, la Pillar of Autumn è arrivata su Alpha Halo poche settimane dopo. Di seguito la timeline degli eventi di Halo: Combat Evolved, Halo: Flood e Halo: Fireteam Raven:


19 SETTEMBRE

  • Mentre i Covenant preparano l’assalto alla Pillar of Autumn, al tecnico dell’UNSC Sam Marcus è ordinato di preparare il risveglio del soggetto nella cella criogenica 2, John-117, Master Chief.
  • Master Chief è stato risvegliato dal sonno criogenico mentre i Covenant abbordano la Pillar of Autumn e le forze UNSC sono schierate sull’installazione 04 nel tentativo di evacuare la nave.
  • Le rimanenti forze Covenant e umane discendono sull’anello, incluso il modulo HEV di Silva e la navetta di salvataggio Bumblebee Lima Foxtrot Alpha-43, con Master Chief e Cortana.
  • FUGA – Assediato dai Covenant, il Maggiore Antonio Silva schiera il Fireteam Raven per scacciare gli assalitori prima di mandare la squadra sull’anello tramite i drop pod SOEIV.
  • Dopo la cattura del Capitano Keyes da parte delle forze Covenant, le forze UNSC stabiliscono la base Alpha sopra una grande mesa già presidiata da antiche strutture dei precursori. Contenendo un grande contingente di ODST e il personale UNSC sopravvissuto, la Base Alpha funge da centro di comando per le forze UNSC mentre pianificano la loro prossima volta. Il Maggiore Silva assume il comando delle operazioni ed è assistito dal suo ufficiale esecutivo, il Primo Luogotenente Melissa McKay, e dalla IA Wellsely. Durante tutto questo, Master Chief si imbarca in una missione di salvataggio per radunare i marine sopravvissuti e ora sparpagliati nella zona.
  • Dopo essere atterrati sull’Halo, il fireteam Raven si dirige verso la zona di schianto della Pillar of Autumn sotto la supervisione di Wellsley, un viaggio che durerà più di 28 ore.
  • Master Chief guida un gruppo di marine in un assalto all’incrociatore Covenant, la Truth and Reconcilation, e riesce a recuperare il Capitano Keyes.

20 SETTEMBRE

  • Master Chief e Cortana cercano il Silent Cartographer dell’anello.
  • RUBBLE – Una volta arrivato al sito dello schianto, il team Raven assiste il Primo Luogotenente McKay e il battaglione di ODST nell’attività di recupero della Autumn, recuperando armi, veicoli e altri materiali.
  • Mentre Chief cerca la Sala Controllo di Halo, Keyes e un gruppo di Marine sono attaccati dai Flood mentre investigano un deposito di armi Covenant.
  • Chief trova la Sala Controllo di Halo, ma Cortana gli ordina di incontrarsi immediatamente con Keyes.
  • Chief scopre il destino della squadra di Keyes e rivela la fuoriuscita dei Flood. Dopo questa scoperta, lui e gli altri marine si muovono per scappare dalla struttura di contenimento.

21 Settembre

  • ALPHA BASE – Dopo essere arrivati alla Base Alpha dopo circa 60 ore dall’atterraggio, il team Raven è informato sul luogo dove si trovano – Halo – che è stato scoperto essere una antica e potente arma. Durante il briefing la Base Alpha è assaltata per la seconda volta e la squadra Raven si attiva per difenderla insieme alle forze dei Marine. Prima che la battaglia sia finita, sono richiamati in un’altra parte dell’anello per occuparsi di una nuova minaccia. La squadra viene estratta dalla Base Alpha, la quale viene infine invasa dai Flood.
  • Chief trova 343 Guilty Spark, che lo porta alla Biblioteca e insieme recuperano l’Indice, ritornando alla Sala Controllo per trovare Cortana. Tuttavia, quando Chief e Guilty Spark arrivano alla Sala Controllo, Cortana gli parla del vero scopo delle antiche armi, eliminare tutta la vita senziente nella galassia per fermare l’infestazione dei Flood. Cortana confisca l’indice per impedire l’attivazione dell’anello, e la coppia fugge inseguita da Guilty Spark e le Sentinelle dei precursori.
  • ICE CANYON – Dopo la fuga dalla Base Alpha il Fireteam Raven, sotto indicazioni di Wellsley, si dirige verso un canyon ghiacciato per aiutare Master Chief. Qui si trovano ad affrontare la minaccia dei Flood. Aprendo una breccia tra le forze dei Flood, l’aiuto del Team Raven permette a Master Chief di proseguire la sua missione, della quale il Team non sà nulla.
  • Sperando di ridurre la capacità dell’anello di attivarsi, e allo stesso tempo di attirare l’attenzione del Monitor, Chief distrugge tre generatori di impulsi di fase nei canyon vicini alla Sala Controllo.

22 Settembre

  • Chief torna alla Truth and Reconcilation solo per ritrovare l’incrociatore invaso dai Flood, e per scoprire di essere arrivato troppo tardi per salvare la vita a Keyes. Il Capitano è stato ormai compromesso dal parassita, ma Master Chief è in grado di recuperare l’impianto neurale di Keyes e fuggire dalla nave facendosi strada tra le minacce aliene.
  • Le forze del Maggiore Silva arrivano alla Truth and Reconcilation per concludere l’assalto. Dopo l’azione di abbordaggio delle forze ODST che porta alla conquista dell’incrociatore del delegato San’Shyuum, il Profeta dell’Amministrazione, Silva decide di guidare la nave verso la Terra, per tornare a casa come un eroe decorato. Il suo comandante esecutivo, il Primo Luogotenente Melissa McKay, realizza che il Maggiore è stato accecato dal desiderio di fama, e che questa sua scelta poteva avere conseguenze disastrose. Non solo il riportare sulla Terra una nave Covenant sarebbe stata una grossa violazione del Protocollo Cole, ma non c’era neanche modo di sapere se l’infezione Flood fosse stata completamente distrutta a bordo della nave. Con tutte queste possibilità in mente, il Luogo Tenente McKay ha agito velocemente e con coraggio, causando un’esplosione che ha danneggiato i collegamenti tra il ponte e la sala motori. Il danno così causato ha reso impossibile la guida dell’incrociatore, che alla fine si è nuovamente schiantato sull’anello.
  • RAVEN DOWN – Estratti dal canyon ghiacciato, l’UH-144 Falcon del Team Raven viene abbattuto. Combattendo contro ondate di Flood all’interno di una struttura dei precursori, il team resiste abbastanza a lungo per permettergli l’estrazione. Il team si dirige poi verso il sito dello schianto della Pillar of Autumn, dove gli è richiesto di guadagnare tempo per Master Chief.
  • LAST STAND – Arrivati a parecchi chilometri di distanza dal sito di schianto della Autumn, il Team Raven attacca le retrovie dei Covenant con un Warthog, mentre le forze aliene si apprestano ad assaltare l’incrociatore. Il team danneggia gravemente le forze Covenant, arrivando addirittura a bloccare un possente Scarab, prima di essere infine abbattuti.
  • Chief e Cortana destabilizzano i motori a fusione della Pillar of Autumn, distruggendo la nave e l’installazione 04, fermando sia i Flood che l’attivazione dell’arma.
  • Il Fireteam Raven risulta essere stato Ucciso in Azione dopo l’esplosione dell’anello, il loro sacrificio è stato però critico per il successo dell’obiettivo di Master Chief, distruggere tutti i pericoli rappresentati dall’installazione.
  • . Cortana ricerca sopravvissuti nei detriti dell’Halo.

DEEP LINKS

Di seguito maggiori informazioni sui personaggi principali di Halo: Fireteam Raven.

ETHAN GRAVES

  • Altezza: 192cm
  • Peso: 94kg
  • Età: 37
  • Luogo di nascita: Jovian Habitats/Sol
  • Specializzazione: Tattica/Comando

Nativo degli habitat Gioviani su Io, Ethan Graves è cresciuto con le memorie d’infanzia di suo padre, che gli raccontava storie su come Giove fosse il vero protettore dell’umanità. Senza la sua influenza gravitazionale sugli asteroidi e sulle comete la Terra sarebbe infatti stata distrutta molto tempo fa.

Ethan si è unito al corpo dei Marine UNSC sia per allontanarsi da una vita di lavoro nelle fattorie e nelle miniere che per combattere l’Insurrezione, ma la sua intelligenza e la sua determinazione lo rendevano un leader naturale. È avanzato velocemente tra i vari gradi, sempre alla guida sul fronte, guadagnandosi l’ammirazione dei suoi ufficiali e il rispetto dei membri della sua squadra. Quando i Covenant hanno attaccato, Graves ha richiesto immediatamente l’ammissione agli ODST, sapeva che ora, più che mai, la Terra era in pericolo, e che proteggerla era il suo dovere da GIoviano.

AVA LANG

  • Altezza: 179cm
  • Peso: 73kg
  • Età: 23
  • Luogo di nascita: Chicago/Terra
  • Specializzazione: Esplosivi/Demolizione

Ava Lang è cresciuta attorno alla tecnologia, spendendo molto del suo tempo libero armeggiando con i progetti portati a casa da sua madre, un ingegnere capo per la Acheron Security. Il suo lavoro sui progetti per Sistema Robotico Tattico di Difesa ha ispirato e portato Ava a studiare nuove soluzioni semi-autonome per la disposizione degli esplosivi.

Quando si è arruolata nell’UNSC, le sue conoscenze si sono ampliate per includere lo schieramento di esplosivi in modalità più offensive. Le sue capacità decisionali e la sua risolutezza le hanno infine permesso di guadagnare un posto all’interno degli ODST, dove è stata assegnata al Fireteam Raven.

MARCUS HUDSON

  • Altezza: 190cm
  • Peso: 92kg
  • Età: 30
  • Luogo di nascita: New Alexandria/Reach
  • Specializzazione: Ricognizione/Comunicazioni

Marcus era appena un ragazzino quando è avvenuto il primo contatto tra umani e Covenant. Andando avanti con gli anni è stato circondato dal falso senso di sicurezza provato dalla popolazione di New Alexandria, convinta che gli attacchi dei Covenant, sempre più frequenti, non potessero mai capitare a loro. Marcus non era tanto sicuro di questo, e ha dedicato se stesso per essere preparato quando l’impensabile sarebbe infine successo.

Un atleta dotato, Marcus eccelleva sia sul campo che fuori, abbinando a performance da campione dei risultati accademici ben sopra la media, una combinazione che lo ha portato ai primi posti del programma di arruolamento accellerato dell’UNSC. Le sue capacità con il fucile erano uguali alle sue abilità con le tecnologie militari, rendendolo un candidato naturale tra gli ODST impegnati nell’Operazione: RED FLAG.

VICTOR RAMOS

  • Altezza: 193cm
  • Peso: 88kg
  • Età: 20
  • Luogo di nascita: Casbah/Tribute
  • Specializzazione: Armi pesanti/Supporto

Nato su Casbah City nella colonia di Tribute, Victor Ramos è cresciuto in un quartiere che portava ancora le cicatrici degli attentati terroristici degli insurrezionisti, avvenuti la decade precedente. Da quando era un bambino la paura di un’altra insurrezione coloniale ha ceduto il passo al terrore di un’invasione da parte dei Covenant. Ramos si è arruolato nell’UNSC non appena ha potuto, determinato a dare ai suoi cari, e a molti altri come loro, una ragione per non avere mai più paura.

Comunque, mentre Ramos e i suoi compagni Helljumpers furono obbligati a guardare Reach cadere nel 2552, si è trovato costretto a realizzare che i Covenant stavano allo stesso tempo distruggendo il suo pianeta natale, e che non poteva farci niente. Quando la Pillar of Autumn è saltata verso Alpha Halo, è stato lasciato a pensare al destino della sua famiglia su Tribute, e ha promesso a se stesso che ci sarebbe tornato non appena fosse stato possibile.

 

Maggiore Antonio Silva

Comandante UNSC e Helljumper veterano, il Maggiore Antonio Silva ha comandato le forze ODST della Pillar of Autumn durante il conflitto di Alpha Halo nel Settembre del 2552.

Decadi prima, mentre serviva a bordo della UNSC Atlas, quattro ODST sotto il comando di Silva furono usati per testare le capacità di un allora giovane e appena potenziato John-117, un confronto che è costato la vita a due di loro. Furioso verso quello che gli è sembrato uno spreco delle vite dei suoi soldati, Silva ha coltivato rancore verso gli Spartan, un rancore che ha portato con sè fino alla fine.

Con le spalle al muro dopo lo schianto della Autumn sulla superficie dell’anello, Silva è stato fondamentale nel gestire le truppe UNSC sopravvissute contro le forze Covenant e Flood nella Base Alpha, prendendo il comando dopo il rapimento del capitano Keyes da parte dei Covenant.

Alla fine però, la caduta di Silva è stata causata da una gestione sbagliata delle priorità, in quanto lui voleva sfruttare la cattura della Truth and Reconcilation per la gloria. Tentando di guidare l’incrociatore Covenant per ritornare sulla Terra, il comandante degli ODST ha mostrato scarsa considerazione del Protocollo Cole, mettendo a rischio milioni di vite. Solo un eroico sacrificio da parte del suo Ufficiale Esecutivo, il Primo Luogotenente Melissa McKay, ha posto fine ai suoi piani, portando però alla morte di tutto l’equipaggio della nave, lei inclusa.

 

WELLSLEY

Una IA  militare “stupida” di quarta generazione, Wellsely è stato realizzato per specializzarsi nella gestione della rete di combattimento e nel controllo delle armi automatiche. Programmato con una personalità eccentrica modellata su quella del Duca di Wellington, il suo avatar olografico rappresenta un uomo severo con capelli lungi, un naso pronunciato e con un cappotto a collo alto.

Wellsley è stato assegnato al battaglione ODST a bordo della Pillar of Autumn. Anche se risultava essere inferiore rispetto ad una IA intelligente come Cortana, tutte le capacità computazionali di Wellsley erano concentrate sulla gestione militare, rendendolo estremamente utile per la gestione della logistica sul campo di battaglia.

Con Wellsley legato al suo Hardware, il Team Raven ha utilizzato un modulo di comunicazione mobile come collegamento per permettere la trasmissione di dati in tempo reale con la matrice di personalità dell’AI. Questo ha permesso alla squadra di ODST di reagire velocemente con le informazioni sempre aggiornate, aiutandoli enormemente nel loro compito di supporto a Master Chief.

 

I COVENANT

Uno degli aspetti più interessanti di Halo: Fireteam Raven è che ci permette di vedere gli scontri su Alpha Halo da un altro punto di vista, permettendoci di vedere elementi assenti negli altri media, come l’Upright Chalice,il Lich che ha supportato l’assalto dei Covenant alla Base Alpha, tornato poi sul Destroyer Blameless Conceit, sotto il comando di Orna ‘Fulsamee.

L’arrivo dei Covenant sull’installazione sarebbe dovuto essere uno dei momenti più importanti dell’impero. Questo momento è infine giunto per Thel’ Vadamee e la flotta di Particular Justice, che nel 2552 hanno scoperto l’anello, cosa che lo avrebbe dovuto riempire di onore e gloria.

Invece, nel 2552, Thel’ Vadamee è stato ricoperto con vergogna e disonore, in quanto la campagna di ricerca dei Profeti è stata interrotta dal demone umano, tutto sotto gli occhi del comandante.

I FLOOD

I Flood sono uno degli aspetti più interessanti dell’Installazione 04 e, come possiamo vedere su Halo: Fireteam Raven, l’infestazione che abbiamo affrontato non è stata la peggiore vista sull’anello durante il conflitto.

A tal proposito, una cosa che ha “sconvolto” i fan è stata la presenza di Forme Pure nel gioco; tali dubbi sono ragionevoli in quanto di solito una Mente Suprema è necessaria per la formazione di Forme Pure, ma una parte di Lore proveniente da Halo 3, più precisamente la descrizione della mappa “Cella Frigorifera”, ci svela alcuni dettagli riguardo queste Forme Pure “anomale”.

“Quando i Flood consumano e convertono ogni cosa durante il loro passaggio, la mancanza di potenziali ospiti limita la sua abilità di creare nuovi infetti. Comunque, con la conversione dell’ambiente e l’esistenza di un’intelligenza centralizzata, i Flood possono generare spontaneamente nuove forme dalle FSC (Flood Super Cell) e scheletri. La varietà di queste forme che queste creature possono prendere è vasta, e quasi impossibile da catalogare visto che molte possono assumere un’altra configurazione i risposta a nuove minacce”

 

JUGGERNAUT

Il premio come “Migliore sorpresa” va però al Juggernaut, che con questo capitolo è ufficialmente canonico (anche se è già stato nominato su Halo Wars 2)!

I Juggernaut sono forme da combattimento altamente specializzate dirette da una massa di forme da infezione collegate a vari host. La creatura usa le menti dei vari host per analizzare l’attività nemica e regolare così le strategie dei Flood. Hanno alcune delle caratteristiche associate alle Menti Chiave, inclusa la capacità di sincronizzare i parassiti vicini e trasmettere informazioni tra orde di Flood.

L’aspetto più significativo dei Juggernaut è la loro stazza e la loro forza fisica; sono capaci di perforare i veicoli corazzati con le loro braccia affilate, e schiacciare vittime ignare con le loro gambe.

AWESOME CONTENT FOR AN AWESOME COMMUNITY

Probabilmente avrete già visto il Community Content Care Pack  rilasciato da 343 Industries sul forum di Waypoint, contenente Render, loghi, sfondi e altro ancora.

Beh, c’è dell’altro!

Potete scaricare 6 brevi video in loop, come quello sovrastante, ognuno relativo ad una missione del gioco.

DOWNLOAD FTR FREEZE-FRAMES (248 MB)

 

READ MORE ABOUT IT

Se siete interessati ad altri aspetti della lore di Halo ecco alcuni link interessanti che portano alle informazioni ufficiali dei vari argomenti:

SILENT STORM + STEVE

Terminiamo in bellezza con qualcosa di veramente speciale, un anteprima del nuovo libro, Halo: Silent Storm narrata nientemeno che da Master Chief in persona, Steve Downes!

Il libro è scritto da Troy Denning e sarà, nella versione finale dell’audio libro, narrato dalla voce di Scott Brick. Il libro sarà disponibile all’acquisto a partire dal 4 Settembre.

Lascia un commento